Perché gli esperti dicono che dovresti smettere immediatamente di riempire le mangiatoie per uccelli

Gli esperti danno consigli insoliti: smetti di riempire le mangiatoie per uccelli.

Il motivo, secondo la dott.ssa Victoria Hall del Raptor Center dell’Università del Minnesota, è un “focolaio senza precedenti” di influenza aviaria altamente patogenica, o HPAI, ceppo H5N1 negli uccelli selvatici.

“Nelle aree con trasmissione dell’HPAI in qualsiasi specie aviaria, considerare di sospendere l’uso di mangiatoie per uccelli e bagni per i prossimi due mesi fino a quando il tasso di trasmissione del virus negli uccelli selvatici non diminuirà drasticamente”, ha affermato Hall. “Non solo questa azione aiuterà a proteggere quelle bellissime creature piumate che visitano il tuo cortile, ma aiuterà anche tutte le specie di uccelli selvatici che stanno già affrontando difficoltà questa primavera a causa dell’HPAI”.

LEGGI DI PIÙ:

L’anatra selvatica nel nord Alabama risulta positiva all’influenza aviaria

Influenza aviaria in 2 stati meridionali: ‘Influenza aviaria altamente patogena’ segnalata

Tutte le specie di uccelli sono suscettibili all’HPAI, ha detto Hall, ma il modo in cui mostrano segni di malattia e il ruolo che svolgono nel trasmettere o diffondere la malattia varierà. Il virus si diffonde nelle feci e nelle secrezioni respiratorie degli uccelli infetti ed è in grado di sopravvivere per settimane in ambienti freschi e umidi.

“Sfortunatamente, abbiamo molte lacune nella conoscenza del ruolo degli uccelli canori nelle epidemie di HPAI. Abbiamo alcuni dati di precedenti focolai in tutto il mondo, ma questo focolaio è molto diverso. L’epidemia del 2022 è unica a causa dei livelli molto elevati di trasmissione del ceppo virale H5N1 attualmente in circolazione nella fauna selvatica. Con una sorveglianza virale minima eseguita con gli uccelli canori, è difficile misurare il rischio di trasmissione dagli uccelli canori ad altri uccelli”, ha affermato.

Secondo i Centers for Disease Control, all’8 aprile sono stati segnalati 27 milioni di casi di influenza aviaria nel cortile di casa e nel pollame commerciale. Altri 637 casi sono stati segnalati in uccelli selvatici in 31 stati, tra cui l’Alabama. Il caso in Alabama è stato segnalato il 23 febbraio in un fischione americano trovato nella contea di Limestone.

Non sono stati segnalati casi nell’uomo e il CDC ha affermato che il rischio per la maggior parte delle persone è basso. Si consiglia, tuttavia, di evitare il contatto diretto con uccelli selvatici vivi o morti, nonché con uccelli domestici che sembrano malati o morti.

Add Comment