Il CEO di GE Jack Welch è stato negativo per gli affari? : NATIONAL PUBLIC RADIO, RADIO PUBBLICA

L'uomo che ha rotto il capitalismo, di David Gelles

Molto prima del regno di Elon Musk, Mark Zuckerberg e Jeff Bezos, c’era Jack Welch.

Welch, che ha guidato la General Electric Company dal 1981 al 2001, è spesso considerato il primo CEO di celebrità, un uomo d’affari che ha entusiasmato gli investitori e si è mescolato alle celebrità.

“[Welch’s] la faccia era sempre sulla copertina delle riviste”, New York Times il corrispondente David Gelles dice. “Emerse come una sorta di dirigente imperiale e contribuì a definire ciò che penso sia ancora con noi oggi sotto forma di una certa quantità di adorazione del CEO”.

Nel suo libro, L’uomo che ha distrutto il capitalismoGelles sostiene che la spietata riduzione dei costi e l’attenzione risoluta di Welch sugli utili trimestrali alla fine hanno danneggiato sia GE che il capitalismo americano.

“Neutron Jack”, come divenne noto, aveva l’abitudine di classificare i dipendenti e licenziare automaticamente il 10 percento più povero ogni anno; nei primi anni di leadership di Welch ha licenziato più di 100.000 persone in una serie di licenziamenti di massa e chiusure di fabbriche.

“Fino a questo punto, le persone che avevano un lavoro in un’azienda come GE o IBM in pratica pensavano di avere un lavoro a vita. Ma ha detto esplicitamente che questa nozione sarebbe stata un ricordo del passato sotto la sua sorveglianza”, Gelles dice.

Molti dei posti di lavoro tagliati da Welch sono stati inviati all’estero: “Vediamo la prima grande ondata di manodopera, la manodopera manifatturiera americana, che va all’estero, e quindi inizia il vero inizio di una seria esternalizzazione che, ovviamente, decimerebbe la base manifatturiera americana”, Gelles dice.

Welch fece accordi aggressivi, inclusa l’acquisizione della NBC nel 1986, con l’obiettivo di espandere l’influenza di GE. Le mosse inizialmente hanno sostenuto il prezzo delle azioni della società; nel settembre 1993, GE è diventata la società di maggior valore sul mercato azionario.

Ma alla fine, la leadership di Welch non ha portato a profitti a lungo termine. Ha sostenuto iniziative e acquisizioni finanziarie rischiose, che il suo successore ha poi continuato. L’attenzione di GE sui mutui subprime e sui prestiti a breve termine si sarebbe rivelata costosa quando si sarebbe verificata la crisi finanziaria del 2008. Nel 2021, l’attuale amministratore delegato di GE ha annunciato che la società si sarebbe separata in tre società autonome più piccole: una focalizzata sui motori a reazione, una focalizzata sui dispositivi medici e una focalizzata sulle apparecchiature elettriche.

“Questo è tutto ciò che resta dell’eredità di Jack Welch”, afferma Gelles. “Lungi dall’essere l’azienda più preziosa sulla Terra e un conglomerato che ha attraversato il mondo e tutti questi diversi settori, GE ora sarà essenzialmente suddivisa in tre diversi pezzi distinti – e questa è la fine della storia”.

Punti salienti dell’intervista

Sul ruolo di GE nell’economia americana prima che Welch prendesse il sopravvento

Mentre approfondivo la storia di GE, ho trovato difficile sopravvalutare non solo l’impatto che GE aveva ancora nel 1981 quando Jack prese il potere, ma anche il suo ruolo nella storia dell’industria americana per la maggior parte del secolo prima. Questa è stata l’azienda che ci ha portato lampadine elettriche, centrali elettriche, macchine a raggi X. Questa è stata l’azienda che ha introdotto prodotti di uso quotidiano come il tostapane. Erano dietro la commercializzazione di massa di radio e televisori, lavastoviglie. L’elenco è andato avanti all’infinito. …

Quando hai guardato alla loro influenza sull’industria e sul governo al di là di ciò che potremmo trovare nelle nostre cucine, anche lì non sono stati meno influenti. È stata GE che ha aiutato a portare gli uomini sulla luna nelle missioni Apollo. Torni indietro e guardi quelle immagini e ci sono file e file di ingegneri GE che lavorano fianco a fianco con gli ingegneri della NASA. E fino ai giorni nostri, le dimensioni di quell’azienda sono diventate, a un certo punto, credo, rappresentare qualcosa di vicino all’1% del PIL americano. E c’era una frase: “Come va GE, così va l’economia americana”. …

David Gelles è un corrispondente dell’ufficio climatico di Il New York Times.

Simone & Schuster


nascondi didascalia

attiva/disattiva didascalia

Simone & Schuster


David Gelles è un corrispondente dell’ufficio climatico di Il New York Times.

Simone & Schuster

Le grandi aziende di allora – e GE ne è un perfetto esempio – erano orgogliose del modo in cui distribuivano ampiamente i loro profitti con i dipendenti, con le loro catene di approvvigionamento e persino con il governo. Era un rapporto annuale di GE del 1953 che cito nel libro, in cui si vantano di quanto stanno pagando in salari ai loro lavoratori e quanto stanno pagando in tasse al governo. Non ho bisogno di dirti che è molto diverso dal modo in cui operano molte aziende oggi.

Sullo sfondo di Welch

Era impulsivo, alquanto aggressivo, irrequieto, ambizioso, impaziente. Fu cresciuto principalmente da sua madre, che era una devota cattolica. Un aneddoto sorprendente che ho scoperto è che lei gli ha insegnato a giocare in tenera età, costringendolo a scommettere i propri soldi per imparare, in un senso viscerale, cosa significa vincere e perdere. Ma era anche profondamente coinvolto nella fede. Era un chierichetto.

Ci sono stati lampi di collera fin dalla tenera età. C’è un aneddoto… in cui parla del caddy in un campo da golf locale. E l’uomo per cui stava facendo il caddy gli ha chiesto di andare a prendere una palla che era finita in acqua. E invece, lancia le mazze da golf dell’uomo in acqua e si precipita fuori dal campo. Quindi vedi lampi di rabbia. E questo continua fino ai suoi primi giorni in GE, quando, da giovane socio, al suo primo anno in azienda, decide di lasciare perché scopre che i suoi colleghi hanno ottenuto lo stesso aumento che ha avuto lui e pensava di stare meglio . Quindi ha detto che avrebbe lasciato l’azienda, e solo dopo che il suo superiore ha promesso di dargli un aumento ancora più grande che ha accettato di rimanere.

Sulla pratica di Welch di classificare i dipendenti e licenziare il 10% più povero

Aveva un nome eufemistico per questa pratica. La chiamava “curva di vitalità”, ma era conosciuta internamente e più ampiamente dal pubblico come classifica dello stack o anche più nettamente “rank and yank”. E l’idea è questa: i manager, ha detto, devono classificare i propri dipendenti. Il 20% ottiene un voto A, il 70% ottiene un voto B e il 10% ottiene un voto C. E se sei in quel 10%, sei fuori dall’azienda.

Lo ha fatto per 20 anni all’interno di GE, il che ha portato a migliaia e migliaia di licenziamenti. Ed è diventato, perché era così influente, un dogma nell’America aziendale. Quando Steve Ballmer ha rilevato Microsoft, ha implementato lo stack ranking e ciò ha portato a grandi turbolenze nei ranghi di Microsoft. E ancora più recentemente, Adam Neumann, il fondatore di WeWork, utilizzava lo stack ranking poiché WeWork cresceva così rapidamente, anche se quella società aveva miliardi e miliardi di dollari di finanziamenti, vedeva la necessità di licenziare il 10% dei suoi dipendenti ogni singolo anno perché Jack l’ha fatto.

Sul soprannome poco lusinghiero di Welch “Neutron Jack”

Odiava il nome “Neutron Jack”, anche se non avrebbe mai potuto scrollarlo di dosso. Anche quando è morto nel 2020, il presidente Trump gli ha dato un tweet. Ha detto “Non c’era un leader aziendale come Neutron Jack”, quindi quell’etichetta è rimasta con lui per tutta la vita. Ciò che è stato così straordinario, tuttavia, è che, nonostante la stampa negativa che ha ricevuto in quei primi anni, è stato in grado di continuare il suo lavoro perché il consiglio di amministrazione di GE, e in definitiva Wall Street e infine il resto delle aziende americane, hanno visto che quello che stava facendo era, nel bene e nel male, lavorare a breve termine. Queste strategie che stava impiegando stavano davvero facendo salire i profitti a breve termine. All’improvviso, altri CEO hanno visto che, Ehi, sì, se riduciamo rapidamente il costo del nostro lavoro, potremmo potenzialmente vedere un aumento significativo dell’utile per azione per il prossimo trimestre e Wall Street sicuramente è piaciuto. E così c’era questo sistema di incentivi che ha incoraggiato altri CEO a iniziare a seguire il suo esempio. E ciò che è così straordinario è che anche dopo questi primi anni di stampa piuttosto appassita, è in grado di sopravvivere e alla fine diventare venerato come CEO modello assoluto, al punto che Fortuna rivista alla fine della sua carriera, lo definisce “il manager del secolo”.

Sull’impatto di Welch sui dipendenti GE

Durante la sua permanenza in GE, molti dipendenti di GE hanno beneficiato di quegli uomini e donne dell’azienda che hanno investito in azioni GE, hanno potuto vedere le loro fortune crescere insieme a quelle di Welch e dell’azienda. Ma ancora una volta, dipende dall’orizzonte temporale che stiamo guardando. Se guardiamo solo agli anni in cui ha gestito l’azienda e solo ciò che ha fatto e chi ne ha beneficiato a quel punto, puoi sostenere che, certo, è stato un bene per almeno i lavoratori di GE che non sono stati licenziati sotto rank and yank o sotto il suo ridimensionamento o offshoring o outsourcing.

Ma avanti veloce e guarda cosa succede a questi pensionati. Guarda cosa succede agli uomini e alle donne che detengono azioni GE mentre crollano negli anni successivi alla sua partenza. Perché quando se ne va, tutti questi difetti vengono fondamentalmente scoperti e Wall Street inizia a vedere attraverso la farsa. Quindi la sua reputazione tra i lavoratori era complessa. Penso che alcuni lavoratori di GE abbiano goduto dei vantaggi. Ma anche negli anni ’90, quando Jack era in voga, tra i lavoratori organizzati, tra i leader sindacali, stava diventando comunemente inteso che Jack aveva guidato un’accusa nei primi anni ’80 che era ancora in risonanza con loro e che alla fine ha contribuito a erodere l’appartenenza sindacale in questo paese per registrare livelli bassi oggi.

Oggi sulla General Electric

Da essere l’azienda più preziosa sulla Terra, GE è caduta al punto di essere irrilevante essenziale nell’economia americana. Nel 2018, con tutte le decisioni sbagliate di Welch che hanno raggiunto l’azienda, GE è stata rimossa dal Dow Jones Industrial Average, il più blu degli indici blue chip e un vero campanello d’allarme dell’economia americana. GE è stata una delle primissime società incluse nell’indice e alla fine è stata l’ultima di quel gruppo originale a essere rimossa, ma la sua partenza dal Dow è stato questo vero momento simbolico che alla fine ha posto le basi per le notizie avvenute proprio lo scorso anno, che è stato il fatto che GE si sta finalmente sciogliendo una volta per tutte.

Sam Briger e Joel Wolfram hanno prodotto e montato questa intervista per la trasmissione. Bridget Bentz, Molly Seavy-Nesper e Natalie Escobar l’hanno adattato per il web.

Add Comment