Gli influencer affermano che il Revolve Festival al Coachella si è trasformato in caos

  • Revolve Festival è un evento di musica, arte e shopping che si è tenuto il 16 e 17 aprile di quest’anno.
  • Il festival si svolge in collaborazione con Coachella ed è stato ospitato a La Quinta, in California.
  • Gli influencer hanno descritto lunghe file per arrivare all’evento di quest’anno, e alcuni dicono che non ce l’hanno fatta.

Lo scorso fine settimana, il Revolve Festival, un evento ospitato dal rivenditore online durante il festival musicale di Coachella, è ripreso dopo una pausa di due anni. Il 16 e 17 aprile dalle 13:00 alle 20:00, influencer e altri invitati hanno partecipato al festival a La Quinta, in California. Ma, secondo alcuni ospiti, non tutti sono arrivati ​​all’interno.

I partecipanti hanno condiviso video su TikTok di scene dall’area di attesa dove stavano aspettando le navette per portarli al festival. Alcuni video mostravano lunghe file che si snodavano attorno a barricate di metallo sotto tende bianche, mentre altri catturavano scene di persone che correvano verso grandi autobus che cercavano di salire. I rappresentanti di Revolve non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento di Insider.

Per alcuni, ha riportato alla mente i ricordi del famigerato Fyre Festival del 2017 ospitato da Billy McFarland, che prometteva un’esperienza VIP alle Bahamas, ma invece offriva alloggi e cibo deludenti e lasciava celebrità e influencer bloccati.

Averie Bishop, una studentessa di giurisprudenza e creatrice con sede a Dallas, domenica ha pubblicato un video su TikTok definendo il Revolve Festival “caos assoluto”. Ha detto che anche se il marchio l’ha invitata a partecipare, non è mai arrivata al parco. Il video di Bishop ha avuto 3 milioni di visualizzazioni lunedì.

“Non sono nemmeno entrata al festival, ragazzi”, ha detto nel video. “Ho aspettato in fila per due ore. C’erano persone che spingevano, spingevano, urlavano, strattonavano davanti agli autobus, persone in piedi tra gli autobus mentre si muovevano solo per salire su questi autobus e arrivare al Revolve Festival”.

Ha condiviso una clip dall’area di attesa in cui un amico ha definito la situazione “pericolosa” e “Fyre Fest 2.0”. Anche Emily Hemelberg, un’influencer che afferma di aver aspettato in fila per l’evento, ha anche paragonato la situazione al Fyre Festival in un video che lunedì ha avuto 55.400 visualizzazioni.

“Scusa, Revolve, ma spero davvero che tu prenda in considerazione la sicurezza e la sicurezza di tutti l’anno prossimo”, ha aggiunto Bishop.

Una TikToker, Bri, che ha detto di lavorare per Revolve come designer, ha definito la situazione dei trasporti di sabato un “incendio assoluto nei cassonetti” in un video ora cancellato che è stato visto da Insider. Ha detto che c’erano file separate a seconda del tipo di biglietto che avevano i partecipanti (ha detto che le categorie erano VIP, Influencer e General Admission), ma che non c’era la sicurezza presente per tenerlo controllato.

Bri ha pubblicato un video di follow-up domenica dicendo che si è presentata molto presto per assicurarsi di essere effettivamente entrata al Revolve Festival dopo che non era riuscita a farcela su una navetta il giorno prima.

Bishop, che è arrivato intorno alle 15:20, ha detto a Insider che le linee non erano chiaramente contrassegnate e che le persone hanno iniziato a “calpestare” gli altri per entrare nella linea VIP, cosa che secondo lei sembrava ricevere un trattamento preferenziale. Ha anche detto che non c’era acqua per nessuno in attesa e che ricorda che una guardia di sicurezza che chiedeva acqua ai partecipanti mentre un ospite in fila era apparentemente vicino a svenire per il caldo.

Lars Gummer, un influencer di Los Angeles che è arrivato sul posto alle 13:30 con un braccialetto VIP, ha detto a Insider che gli è stata data dell’acqua mentre si dirigeva verso le linee dal parcheggio. Gummer ha aspettato circa 30 minuti per il suo autobus e ha detto che sapeva solo che c’era una linea VIP attraverso il passaparola all’arrivo.

La creatrice di contenuti Kristi Howard ha detto di aver aspettato in fila per cinque ore e di non essere riuscita a salire su un autobus. Ha pubblicato diversi video che descrivono in dettaglio la sua esperienza e ha scritto in una didascalia che alla fine ha speso “un paio di migliaia” di dollari. Il suo video qui sotto, che è stato pubblicato domenica, ha avuto 3,2 milioni di visualizzazioni lunedì.

Mentre diversi partecipanti descrivono di essere stati respinti e di non aver mai partecipato al festival, altri hanno condiviso video dall’interno, mostrando attrazioni come servizi fotografici floreali, giri in altalena e un concerto di Post Malone.

Lauren Ashley Beck (@laurenashleybeck su TikTok), conduttrice e influencer che ha partecipato, ha condiviso com’era una volta entrata, ma ha anche detto di aver aspettato tre ore in fila. Il suo video ha avuto 38.000 visualizzazioni lunedì.

Se eri al Revolve Festival o hai provato a partecipare all’evento durante il weekend uno di Coachella e vuoi parlare della tua esperienza, contatta [email protected]

Add Comment